Pigmento per inchiostri - Usi dell'inchiostro a pigmenti nel 2024

17 anni di esperienza nelle soluzioni di inchiostri pigmentati - Produttore di pigmenti di inchiostro originali - KingChroma

Il pigmento per inchiostro è la materia prima che rende colorato l'inchiostro, con caratteristiche di insolubilità in acqua e ottima resistenza all'alcool. L'inchiostro è una miscela viscosa di vari componenti funzionali mescolati in un liquido, che può essere stampato, spruzzato, raschiato e in altri modi per presentare la grafica, il testo, ecc. progettati sul substrato. Gli inchiostri hanno una composizione complessa e, oltre ai coloranti, ai leganti e ai solventi di base, vari additivi funzionali migliorano le prestazioni dell'inchiostro e ne migliorano la stampabilità sul substrato, oltre a varie altre proprietà complete.

I pigmenti per inchiostri KingChroma sono disponibili in un'ampia gamma di applicazioni, inclusi pigmenti acromatici, colorati, corposi, luminescenti, fluorescenti, variabili in temperatura e variabili in luce, che possono essere personalizzati per soddisfare le esigenze dei clienti e possiamo anche personalizzarli in base alle esigenze del cliente.

Polvere di pigmento per usi con inchiostro

Mica in polvere

Pigmento termocromico

Pigmenti fotocromatici

Polvere di perla

Polvere fosforescente

Polvere di camaleonte

Polvere UV

Pigmento riflettente

Esempio di domande frequenti sui pigmenti

I coloranti si dividono in pigmenti e coloranti. Gli inchiostri pigmentati sono dispersi sotto forma di sospensione granulare nell'inchiostro. Gli inchiostri coloranti sono dispersi in forma molecolare nell'inchiostro. Gli inchiostri pigmentati vengono solitamente fissati sulle superfici tramite leganti. Gli inchiostri coloranti possono rendere gli oggetti colorati all'interno. I coloranti determinano in gran parte la tonalità, il potere colorante, il potere coprente, la finezza e la densità dell'inchiostro.

Gli inchiostri pigmentati si dividono in pigmenti inorganici e pigmenti organici. I pigmenti inorganici sono composti da elementi semplici, ossidi metallici, sali inorganici e loro complessi. Presentano una lunga storia, un prezzo più basso e molte varietà. Presentano inoltre un elevato potere coprente e un'ottima resistenza. I pigmenti organici sono per lo più sostanze organiche insature. Di solito sono derivati ​​del benzene eterociclico, della naftalene e di altri composti aromatici. Hanno colori brillanti, forte potere colorante, elevata resistenza alla luce e al calore, stabilità chimica, ecc.

Gli inchiostri coloranti hanno un'elevata solubilità. Possono essere sciolti in acqua, olio o altri solventi organici. I coloranti possono essere suddivisi in 11 tipi in base alle loro proprietà e applicazioni. In termini di pH, i coloranti si dividono in coloranti acidi, coloranti alcalini e coloranti neutri. Secondo il metodo di tintura, i coloranti sono suddivisi in coloranti diretti, coloranti dispersi, coloranti reattivi, coloranti al solfuro, coloranti di ghiaccio, coloranti IVA e coloranti cationici. Esistono anche coloranti alimentari atossici dedicati.

Pigmenti comuni per l'inchiostro:

  1. 1. Monopigmenti gialli, comunemente noti come pigmenti Hansa Yellow. Sono anche chiamati pigmenti gialli veloci per la loro eccezionale solidità alla luce.
  2. 2. Pigmenti rossi monoazoici: serie naftolo AS. Sono caratterizzati da sintesi semplice, colore brillante e buona solidità, resistenza all'acqua e agli alcali. Sono particolarmente adatti per inchiostri a base acqua e inchiostri a base solvente. Sono più costosi dei pigmenti azoici.
  3. Pigmenti gialli bisazo. Sono caratterizzati da un elevato potere colorante, pari a 3 volte quello del pigmento giallo veloce. Hanno una buona trasparenza, resistenza ai solventi e prestazioni di stampa. Sono principalmente destinati alla produzione di inchiostro giallo tra quattro inchiostri a colori.
  4. Pigmenti azoici di tipo condensazione, che mantengono il colore dei pigmenti azoici (generalmente leggermente più scuri dei pigmenti monoazoici). Hanno una maggiore resistenza ai solventi, al calore e alla migrazione.
  5. Pigmenti benzimidazolone. Hanno un'eccellente resistenza alle alte temperature (200-300°C), alla migrazione e ai solventi. L'inchiostro DAHE contiene pigmenti provenienti dal Giappone. Hanno prestazioni e qualità stabili. Ancora più importante, DAHE Ink ha requisiti ambientali molto severi per i pigmenti. Attribuisce grande importanza alla qualità ambientale dell'inchiostro.

Gli inchiostri cangianti sono inchiostri speciali. Hanno colori diversi in ambienti diversi. Sono adatti per la stampa protetta, la filigrana, la segnaletica speciale, ecc.

Metodi/Passi

  1. Selezione dei pigmenti: i pigmenti sono fondamentali per gli inchiostri che cambiano colore. In generale, i pigmenti sensibili al calore, i pigmenti sensibili alla luce o i pigmenti sensibili agli acidi e agli alcali sono adatti per gli inchiostri che cambiano colore. Pigmenti diversi hanno meccanismi di risposta diversi. È importante scegliere i pigmenti in base alle esigenze.
  2. Selezione del solvente: i solventi servono per la miscelazione di pigmenti e altri additivi. Diversi solventi sono adatti a diversi pigmenti. È necessario scegliere i solventi in base ai meccanismi di risposta e alle condizioni di applicazione dei pigmenti.
  3. Aggiunta del diluente: il diluente può regolare la viscosità dell'inchiostro, migliorare la fluidità dell'inchiostro e quindi facilitare la stampa. È necessario scegliere il diluente in base ai pigmenti e alle condizioni di applicazione.
  4. Aggiunta di additivi: gli additivi possono migliorare l'adesione, la resistenza ai graffi e la resistenza alla luce dell'inchiostro, come agenti idrofili, agenti livellanti, adesivanti, ecc.
  5. Preparazione dell'inchiostro: gli inchiostri viraggio colore vengono realizzati miscelando pigmenti, solventi, diluenti e additivi secondo proporzioni appropriate.

Note:

È fondamentale scegliere i pigmenti. Pigmenti diversi hanno meccanismi di risposta diversi. È necessario scegliere i pigmenti in base alle esigenze.

La stampa a getto d'inchiostro ha determinati requisiti per la dimensione delle nanoparticelle. Nelle applicazioni pratiche, l'inchiostro nelle stampanti è soggetto a un trattamento fine, per garantire che la dimensione delle particelle del pigmento soddisfi i requisiti. Per la preparazione di pigmenti nanoparticellari sono adatti metodi speciali, come il metodo sol-gel e il metodo di deposizione in fase vapore. Questi metodi possono controllare la dimensione delle particelle dei pigmenti a livello nanometrico, per soddisfare i requisiti della stampa a getto d’inchiostro.

La dimensione delle particelle di pigmento utilizzata per produrre l'inchiostro pigmentato è divisa in scala nanometrica e scala micron, dove la dimensione media delle particelle su scala nanometrica (LD50) è compresa tra 40 e 125 nanometri e la dimensione massima delle particelle (LD90) deve non superare i 180 nanometri e la dimensione delle particelle su scala micrometrica è compresa tra 0.125 e 0.300 micron.

Minore è la dimensione delle nanoparticelle, più chiara sarà l'immagine stampata e migliore sarà la resa cromatica. L'inchiostro con particelle di dimensioni più piccole scorre più velocemente nella testina di getto d'inchiostro, accelerando così la spruzzatura sulla carta. Pertanto, la dimensione moderata delle particelle dei pigmenti può aumentare la velocità di stampa garantendo al tempo stesso la qualità dell'immagine.

L'inchiostro polimerizzante a fascio di elettroni (inchiostro eb) può passare rapidamente da liquido a solido sotto l'irradiazione di un fascio di elettroni ad alta energia. Si asciuga completamente in pochi millisecondi nella radiazione del fascio di elettroni. Ha una buona brillantezza di stampa, sensazione della pellicola e resistenza all'attrito. Ma l’inchiostro e il corrispondente dispositivo di essiccazione mediante radiazione sono costosi. La promozione dell'inchiostro è ancora difficile. Ma l’inchiostro è promettente in quanto può far risparmiare tempo di asciugatura e garantire la qualità del prodotto senza causare inquinamento ambientale.

  1. Inchiostro ad indurimento con fascio di elettroni (inchiostro eb): l'indurimento con fascio di elettroni è comune per la stampa nel settore dell'imballaggio di alimenti e bevande, in particolare la stampa offset. L'inchiostro eb si adatta allo sviluppo della stampa monocromatica ad alta velocità e multicolore nel settore della stampa. Poiché l'inchiostro polimerizzante con fascio di elettroni può far risparmiare energia e non contiene solventi, non causerà inquinamento all'ambiente e alle confezioni. Presenta i vantaggi di tempi di indurimento brevi, elevata velocità di elaborazione, elevata produttività, tasso di espansione dei punti piccoli, buona luminosità di stampa e resistenza all'usura e all'erosione chimica. Questa tecnologia è stata rapidamente promossa e applicata. È particolarmente promettente nel campo dell’imballaggio alimentare.
  2. Inchiostro per stampa digitale: la tecnologia di stampa digitale è stata applicata anche nel settore della stampa di confezioni alimentari. Può raggiungere un'elevata risoluzione dell'immagine e riprodurre perfettamente i dettagli dell'immagine.

La compatibilità ambientale degli inchiostri pigmentati implica la selezione delle materie prime. La produzione convenzionale di inchiostri spesso richiede solventi organici. Tra questi, i composti organici volatili (COV) possono causare inquinamento atmosferico. Secondo i requisiti di protezione ambientale, le imprese produttrici di inchiostri dovrebbero utilizzare inchiostri a base acqua o indurenti per ridurre il consumo di solventi organici. L'inchiostro a base d'acqua è un tipo di inchiostro con acqua come mezzo. È innocuo, non tossico e facile da pulire, riducendo notevolmente l'inquinamento dell'ambiente. L'inchiostro polimerizzante si trasforma in una pellicola mediante fotopolimerizzazione o polimerizzazione termica, per evitare il rilascio di solventi organici.

Il legante serve principalmente a regolare la viscosità e la fluidità dell'inchiostro a base di pigmenti. La viscosità indica quanto è viscoso l'inchiostro. Influisce direttamente sulla fluidità e sull'effetto di stampa dell'inchiostro. Il legante può regolare la viscosità dell'inchiostro per adattarsi a diversi materiali e metodi di stampa. Ad esempio, le stampanti ad alta velocità richiedono inchiostro a bassa viscosità per garantire velocità e qualità di stampa. Le stampanti a bassa velocità richiedono inchiostro ad alta viscosità per garantire qualità ed efficienza di stampa.

Il legante può migliorare l'adesione dell'inchiostro a base di pigmenti. Per adesione si intende il modo in cui l'inchiostro aderisce ai materiali di stampa. Influisce direttamente sulla qualità di stampa e sulla durata. Il legante può legare meglio pigmenti e solventi, per formare particelle di inchiostro uniformi, migliorando così l'adesione e la durata dell'inchiostro.

Il legante può migliorare la stabilità e la durata dell'inchiostro a base di pigmenti. Stabilità indica quanto è stabile l'inchiostro durante la conservazione e l'utilizzo. Influisce direttamente sulla qualità e sulla durata dell'inchiostro. Il legante può rendere le particelle di inchiostro più stabili, ridurre la separazione e la precipitazione, prolungando così la durata dell'inchiostro. Per durabilità si intende la durata dell'inchiostro durante l'uso. Influisce direttamente sulla qualità e sulla durata delle stampe. Il legante può distribuire i pigmenti dell'inchiostro in modo più uniforme sui materiali di stampa, migliorando così la durata e la qualità delle stampe.

La resistenza alla luce dell'inchiostro pigmentato si riferisce ai cambiamenti relativi del colore dell'inchiostro alla luce. In effetti, i colori di tutti gli inchiostri cambieranno più o meno. Se l'inchiostro ha una buona resistenza alla luce, i prodotti stampati avranno colori brillanti, i punti nel layout saranno pieni e solidi. Le stampe saranno piene di senso tridimensionale e adatte per la conservazione a lungo termine. Se l'inchiostro ha una scarsa resistenza alla luce, le stampe sbiadiscono e scoloriscono facilmente.

I pigmenti influenzano la polimerizzazione, la fluidità, la bagnabilità e il livellamento dell'inchiostro, oltre alla viscosità. L'interazione tra pigmenti e materiali di base reattivi porterà a una riduzione della durata di conservazione dell'inchiostro o a un cambiamento del colore dell'inchiostro.

 

Diversi pigmenti variano nell'assorbimento, nella riflessione e nella dispersione della luce, quindi influenzano la polimerizzazione a vari livelli. La maggior parte dei pigmenti ha una certa area di trasmissione in luce parziale o visibile, denominata “finestra spettrale”. I fotoiniziatori possono assorbire completamente l'energia della radiazione luminosa all'interno della “finestra”. Pertanto, è molto importante determinare la posizione della “finestra” per scegliere un fotoiniziatore adatto.

 

Cioè, il fotoiniziatore dovrebbe corrispondere ai pigmenti nel sistema di inchiostro. Dovrebbe rientrare nell'intervallo di lunghezze d'onda di debole assorbimento della luce da parte dei pigmenti. È necessario osservare la relazione tra i pigmenti e lo spettro di assorbimento della luce del fotoiniziatore durante l'utilizzo degli inchiostri.

Innanzitutto, i disperdenti per inchiostro servono principalmente a ridurre la viscosità degli inchiostri e a migliorarne la fluidità. Nel processo di stampa, gli inchiostri dovrebbero avere una certa fluidità per riempire la pagina di stampa. Dovrebbero inoltre rimanere stabili per prevenire precipitazioni e delaminazione nel processo di stampa. I disperdenti facilitano il flusso degli inchiostri nelle macchine da stampa riducendo la viscosità. Mantengono inoltre stabili gli inchiostri per prevenire precipitazioni e delaminazione.

In secondo luogo, i disperdenti possono potenziare gli effetti coloranti degli inchiostri. Poiché i disperdenti riducono la viscosità degli inchiostri, favoriscono la colorazione dei pigmenti e dei coloranti negli inchiostri sulle superfici delle stampe. Inoltre, i disperdenti possono migliorare la dispersione dei pigmenti e dei coloranti e renderli distribuiti in modo più uniforme sulle superfici delle stampe, in modo da ottenere buoni effetti coloranti.

I disperdenti dell'inchiostro possono anche migliorare la qualità delle stampe. Poiché i disperdenti migliorano la dispersione e la stabilità degli inchiostri, nel processo di stampa non si verificano precipitazioni, delaminazioni e incrostazioni e le stampe hanno un'elevata qualità. I disperdenti dell'inchiostro possono migliorare gli effetti coloranti, quindi le stampe hanno colori più brillanti, pieni e veritieri.

Ruoli dei pigmenti negli inchiostri:

  1. Inchiostri a colori. Il consumo di pigmenti dipende dalla concentrazione dell'inchiostro.
  2. Garantire le proprietà fisiche degli inchiostri, come viscosità e spessore.
  3. Massimizza la durata degli inchiostri.
  4. Influisce in una certa misura sulla secchezza degli inchiostri. I film di ossido hanno gli effetti di essiccazione più evidenti.

No. Poiché diversi produttori di inchiostri utilizzano materiali chimici diversi, non è necessario mescolare inchiostri di marche diverse. Anche gli inchiostri dello stesso tipo possono avere proprietà chimiche diverse. La miscelazione spesso causa reazioni chimiche e deterioramento dell'inchiostro, influenzandone l'uso e la qualità e provocandone persino la rottamazione.

Prestare attenzione all'impatto delle seguenti proprietà dei pigmenti sul sistema di inchiostro:

(1) Dispersione. La dispersione dei pigmenti dipende dalla dimensione delle particelle. Minore è la dimensione delle particelle, migliore è la dispersione del pigmento, maggiore è la stabilità dell'inchiostro e migliore è la brillantezza della stampa.

(2) Potere colorante. Il potere colorante dei pigmenti dipende dalla struttura cristallina e dalle proprietà ottiche. Si riferisce alla capacità dei pigmenti di riprodurre i propri colori nel sistema di miscelazione.

(3) Potere di copertura. Fare riferimento alla capacità dei pigmenti di coprire il colore degli oggetti. Dipende dal rapporto tra l'indice di rifrazione del pigmento e quello del legante.

(4) Assorbimento di olio. Fare riferimento alla proporzione di sostanze oleose (legante) nella produzione di inchiostri con pigmenti.

(5) Densità. La densità dei pigmenti ha un impatto importante sulla stabilità degli inchiostri. Minore è la densità del pigmento, maggiore è la stabilità dell'inchiostro.

Anche la resistenza, il contenuto di umidità e il valore del pH hanno un impatto importante sulle prestazioni degli inchiostri.

Quale percentuale di pigmento perlato che cambia colore deve essere aggiunta all'inchiostro?

Il pigmento perlato cambia colore è un tipo di pigmento molto bello, anche il campo di applicazione è molto ampio, è possibile utilizzare grandi per vernici per auto, piccoli per smalti per unghie, che non possono essere separati dalle sue caratteristiche, polvere perlescente nella stampa a inchiostro serigrafico in quale proporzione è più appropriato?

Come utilizzare la polvere perlescente per l'inchiostro della vernice?

La polvere perlescente è adatta per una varietà di inchiostri per vernici da stampa, come quelli per rotocalco, rilievo, flessografia, serigrafia o sistemi di stampa patinati, utilizzati per produrre cartone, carta da parati, biglietti da visita, carta per ribaltamenti, biglietti di auguri, ecc. pigmento perlato?

Siamo pronti a supportare i vostri utilizzi di inchiostri pigmentati

Scorrere fino a Top