Pigmento colorante - Esempio di pigmento per colorante nel 2024

17 anni di esperienza nelle soluzioni di tintura per pigmenti - Produttore originale di pigmenti coloranti - KingChroma

Cos'è il colorante pigmentato?

Un colorante pigmentato è una sostanza organica intensamente colorata o fluorescente. Assorbe la luce in modo selettivo per colorare i substrati. Un pigmento è un tipo di solido organico o inorganico particolato colorato, nero, bianco o fluorescente. Di solito è insolubile nei trasportatori o nei substrati. Essenzialmente, esso non è fisicamente e chimicamente influenzato dai trasportatori o dai substrati in esso contenuti. Queste sono le principali differenze tra coloranti e pigmenti.

Polvere di pigmento colorante

Polveri coloranti di mica

Pigmento per colorante termocromico

Pigmenti fotocromatici

Polvere di perla per tintura

Polvere colorante per cravatta che si illumina al buio

Polvere di camaleonte per tintura

Polvere UV per tintura

Pigmento riflettente per colorante

Polvere di ossido di ferro per colorante

Pigmento al biossido di titanio per colorante

Domande frequenti sui pigmenti coloranti

I pigmenti coloranti sono classificati come segue in base alle proprietà e alle applicazioni.

Per stato

Pasta colorante a base acqua, pasta colorante a base olio, concentrato colorante a base acqua, concentrato colorante a base olio

Per uso

Pigmenti ceramici, pigmenti per vernici, pigmenti tessili, pigmenti plastici

Per fonte

Coloranti naturali, coloranti vegetali, coloranti animali, coloranti sintetici (noti anche come coloranti artificiali)

Per proprietà e applicazioni

Coloranti diretti

Prendono il nome dalla tintura diretta di cotone, lino, seta, lana e altre fibre senza altri agenti. Sono caratterizzati da un'applicazione semplice, da una cromatografia completa e da un costo contenuto. Ma hanno scarsa resistenza al lavaggio e solidità alla luce. È possibile effettuare un post-trattamento appropriato per una migliore solidità del colore dei prodotti finiti. 

Coloranti reattivi

Sono anche conosciuti come coloranti attivati. Sono nuovi coloranti sviluppati dopo gli anni '1950. Le loro strutture molecolari contengono uno o più gruppi attivi. Possono reagire chimicamente con le fibre in condizioni appropriate per formare legami covalenti. I coloranti reattivi sono destinati alla tintura di cotone, lino, seta, lana, viscosa, nylon, vinile e altri tipi di tessuti.

Coloranti allo zolfo

La maggior parte dei coloranti allo zolfo sono insolubili in acqua e solventi organici, ma sono solubili in soluzioni di solfuro alcalino. Possono essere utilizzati per tingere direttamente le fibre dopo la dissoluzione. Poiché la loro alcalinità è troppo elevata, i coloranti allo zolfo non sono adatti per la tintura delle fibre proteiche. Sono dotati di cromatografia completa, basso costo ed elevata solidità del colore, ma i loro colori non sono brillanti.

Coloranti dispersi

Hanno una solubilità in acqua molto bassa. Le particelle fini sono disperse, quindi i coloranti dispersi sono coloranti non ionici. Sono principalmente destinati alla tintura del poliestere, con elevata solidità del colore.

Coloranti acidi

Sono solubili in acqua. La maggior parte di essi contiene gruppi idrosolubili come gruppi di acido solfonico e gruppi carbossilici. Possono essere utilizzati per tingere direttamente le fibre proteiche in mezzi acidi, debolmente acidi o neutri. Ma hanno una scarsa solidità del colore nel trattamento a umido.

Coloranti IVA

I coloranti VAT non includono coloranti azoici che vengono decomposti in condizioni specifiche per produrre 22 ammine aromatiche cancerogene. Non sono coloranti allergici, cancerogeni o tossici acuti. Non contengono ormoni ambientali. Se vengono utilizzati coloranti IVA, la cromaticità delle acque reflue è bassa. I coloranti IVA sono alternativi ai coloranti vietati.

Coloranti cationici

I coloranti cationici sono dedicati alle fibre di poliacrilonitrile. Di solito sono prodotti dalla doppia precipitazione salina del cloruro di zinco. Il contenuto di zinco nei coloranti cationici è elevato, generalmente dal 15% al ​​20%.

Coloranti e pigmenti differiscono principalmente nella solubilità, nel principio colorante, nell'uso e nella composizione chimica. Vedi i dettagli qui sotto.

  1. solubilità

I coloranti sono generalmente solubili in acqua o in alcuni solventi. Penetrano nelle fibre o nei substrati a livello molecolare per formare legami chimici. I pigmenti sono insolubili in acqua o nella maggior parte dei solventi. Di solito esistono in forma granulare nei media.

  1. Principio di colorazione

I coloranti cambiano la loro struttura durante l'applicazione, mentre i pigmenti no. I coloranti vengono utilizzati per la colorazione mediante assorbimento selettivo della luce o legame chimico, mentre i pigmenti mediante diffusione della luce o chemiassorbimento.

  1. Usa il

I coloranti vengono utilizzati principalmente nella tintura e nella stampa dei tessuti. Trovano applicazione anche in plastica, gomma, inchiostro, cuoio, alimenti, carta, ecc. I pigmenti vengono utilizzati principalmente nella colorazione liquida di vernici, inchiostro, gomma, plastica e fibre sintetiche. Sono utilizzati anche per la tintura e la stampa dei tessuti.

  1. Composizione chimica

I coloranti sono principalmente organici, mentre i pigmenti possono essere organici o inorganici.

  1. Dimensione delle particelle:

le particelle di colorante sono molto piccole, mentre le particelle di pigmento sono relativamente grandi.

  1. Trasparenza

Anche coloranti e pigmenti differiscono in trasparenza. I coloranti sono più trasparenti dei pigmenti.

  1. Gruppo pigmento accessorio

I coloranti contengono gruppi di pigmenti accessori, mentre i pigmenti non contengono gruppi di pigmenti accessori.

  1. Affinità

Anche i coloranti hanno affinità diretta con i materiali, mentre i pigmenti non hanno affinità diretta.

  1. Legante

I leganti sono necessari per i coloranti ma non per i pigmenti. Questa è un'altra differenza tra coloranti e pigmenti.

  1. Cambiamento strutturale nella colorazione

Le strutture del colorante cambiano temporaneamente nelle applicazioni, mentre le strutture dei pigmenti non cambiano.

  1. Emittente

I coloranti vengono diffusi negli oggetti colorati, mentre i pigmenti vengono diffusi sugli oggetti colorati.

  1. Metodo di colorazione

I coloranti servono per colorare mediante assorbimento selettivo, mentre i pigmenti mediante diffusione della luce o assorbimento selettivo.

  1. Costo

Un'altra importante differenza tra coloranti e pigmenti risiede nel costo. I coloranti sono costosi, mentre i pigmenti sono relativamente economici.

  1. Solidità alla luce

I coloranti hanno una bassa resistenza alla luce mentre i pigmenti hanno un'elevata resistenza alla luce.

  1. resistenza all'usura

I coloranti hanno una bassa resistenza ai prodotti, mentre i pigmenti hanno un'elevata resistenza.

  1. Per proprietà della fibra

A causa delle diverse proprietà delle fibre, è necessario scegliere coloranti adatti. Ad esempio, la struttura molecolare delle fibre di cotone ha gruppi idrossilici idrofili, quindi è soggetta ad assorbimento di umidità e rigonfiamento. Reagisce chimicamente ai gruppi reattivi e ha anche resistenza agli alcali. Pertanto, per tingere le fibre di cotone dovrebbero essere utilizzati coloranti diretti, IVA, zolfo, ghiaccio e reattivi. Il poliestere ha una forte idrofobicità, ma non è resistente agli alcali alle alte temperature. In generale, per tingere il poliestere è necessario utilizzare coloranti dispersi.

  1. Per applicazione

A causa delle diverse applicazioni, i prodotti tinti hanno requisiti diversi in termini di solidità del colore. Ad esempio, le tende non vengono lavate spesso, ma sono sempre esposte alla luce solare. Pertanto, dovrebbero essere utilizzati coloranti con elevata resistenza alla luce. La biancheria intima di colore chiaro e l'abbigliamento estivo vengono spesso lavati ed esposti alla luce solare, quindi è necessario utilizzare coloranti resistenti al colore, alla luce e al sudore.

  1. Per costo

Oltre al colore e alla solidità, dovrebbero essere considerati i costi e le fonti di coloranti e ausiliari. Ad esempio, i coloranti costosi dovrebbero essere sostituiti il ​​più possibile con altri dagli stessi effetti, in modo da ridurre i costi di produzione.

  1. Per corrispondenza dei colori

Per la corrispondenza dei colori, è necessario prestare attenzione alla composizione, alla solubilità, alla solidità del colore, alla velocità di tintura e ad altre proprietà dei coloranti. I coloranti hanno proprietà tintorie diverse, gli effetti della tintura sono spesso influenzati dalla temperatura, dalla solubilità, dalla velocità di tintura, ecc. I coloranti con proprietà simili dovrebbero essere utilizzati nella corrispondenza dei colori. Quanto più simili sono le proprietà dei coloranti, tanto migliori saranno gli effetti. Ciò è favorevole al controllo del processo e alla qualità stabile della tintura.

  1. Per proprietà meccaniche

Le macchine per tintura hanno requisiti diversi per le proprietà del colorante. Ad esempio, i coloranti con elevata sostantività dovrebbero essere utilizzati per la tintura in jig e quelli con bassa sostantività per la tintura in tampone. In caso contrario, potrebbero verificarsi non conformità, come colore non uniforme, lucentezza, ecc.

I coloranti sono prodotti chimici comuni per la tintura di tessuti, carta, pelle, ecc. Vengono utilizzati come segue.

  1. Preparazione: selezionare coloranti e materiali appropriati e preparare gli strumenti e le attrezzature necessarie, come pentole, cucchiai, termometri, ecc.
  2. Pulizia dei materiali: pulire i materiali da tingere, per garantire che i coloranti penetrino in modo uniforme in ogni parte.
  3. Scioglimento del colorante: Calcolare la quantità di colorante, in base al peso del materiale da tingere e al colore desiderato. Metti la tintura nella pentola, aggiungi abbastanza acqua e mescola accuratamente. Aggiungere ausiliari (es. sale o aceto) per potenziare l'effetto colorante, basati su diversi tipi di coloranti.
  4. Riscaldamento: riscaldare la soluzione nella pentola a una temperatura adeguata (solitamente 80-100°C) e mantenerla per un po' di tempo. Pertanto, le molecole di colorante nella soluzione penetreranno meglio nel materiale.
  5. Ammollo: mettere il materiale tinto nella pentola e mescolare con il cucchiaio. Immergerlo per un po' di tempo (di solito 30-60 minuti), in modo che i coloranti penetrino uniformemente in ogni parte.

Come usare la polvere di perla per la vernice dell'auto?

Puoi aggiungere polvere di perla per la vernice dell'auto? La polvere perlescente è adatta per la vernice dell'auto. La vernice per auto perlescente è una vernice speciale per auto contenente particelle perlescenti.

Siamo pronti a supportare i tuoi usi dei pigmenti coloranti

Scorrere fino a Top